Parentesi Castiglioni ManzùEssenzialità, bellezza e funzionalità sono i tratti caratteristici di una lampada che è pietra miliare del design italiano.

Fu progettata nel 1970 da Achille Castiglioni e Pio Manzù, due dei massimi architetti e designer italiani di tutti i tempi e nel 1979 vinse il Compasso d’Oro – prestigioso riconoscimento assegnato dall’Associazione Disegno Industriale agli oggetti che rappresentano al meglio l’alta qualità del design italiano. La lampada ha ormai quasi 50 anni ma il suo fascino è immortale, appare ancora moderna. La sua presenza in un salotto, come in un ufficio, portano classe. La bellezza non è il solo tratto distintivo di Parentesi. Si distingue per l’essenzialità degli elementi che la compongono: l’attacco al soffitto, un cavo di acciaio, un tubo di metallo a forma di parentesi e una zavorra. La forma dell’elemento centrale della lampada, che le dà il nome, la rende anche estremamente funzionale e versatile, consentendo il movimento verticale per regolarne l’altezza. Parentesi è prodotta da Flos e viene venduta con o senza dimmer – il dispositivo che permette di variare l’intensità dell’illuminazione. Vengono proposte quattro possibili colorazioni dell’elemento in acciaio inossidabile a forma di parentesi: bianco, nero, rosso e nichel.

Parentesi fa parte della collezione permanente del Triennale Design Museum di Milano ed è esposta in molti musei e mostre di tutto il mondo, come il MoMa di New York.

Se vuoi aggiungere un elemento di prestigio all’arredamento di casa o dell’ufficio, lo faccio io per te.

Il montaggio della lampada Parentesi prevede in particolare due momenti delicati per i quali posso esserti utile:

la regolazione della lunghezza del cavo (perché la zavorra deve soltanto sfiorare il pavimento e non poggiare su di esso, per permettere il corretto scorrimento dell’elemento centrale a forma di parentesi); e l’attacco del tassello al soffitto nel punto in cui decidi di far pendere la lampada.

Contattami per avere maggiori informazioni.

Montaggio Lampada Parentesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *